Cosa puoi fare per il tuo naso sodo

Anche se molti pensano che i grandi nasi respirino meglio, non c’è nulla di più lontano dalla verità. La forma e le dimensioni del naso sono per lo più di tipo cosmetico. Quanto bene si respira in realtà dipende dall’aspetto delle vie respiratorie interne. E per molti che soffrono di apnea del sonno, un naso chiuso può rendere o rompere la loro terapia di trattamento.Visit :- Dilatatore nasale

 

Eppure, l’apertura del naso attraverso la terapia medica o anche la chirurgia è stata trovata per “curare” l’apnea del sonno solo nel 10% delle persone. I pazienti si sentiranno sicuramente meglio e respireranno meglio, ma è improbabile che la loro apnea del sonno venga affrontata in modo definitivo. Tuttavia, ho visto che molte persone del gruppo del “10%” traggono notevoli benefici dalla risoluzione della loro congestione nasale. Oltre a respirare meglio per la prima volta dopo anni, l’apertura del naso può permettere alla persona di tollerare e beneficiare di altre opzioni di trattamento per l’OSA oltre al CPAP.

 

Perché il mio naso è soffice?

 

Problema n. 1: Setto nasale deviato

 

Uno dei motivi più comuni per un naso chiuso è dovuto a un setto nasale deviato. Un “setto” è un termine che descrive una struttura che funge da parete o da separatore tra due cavità. Anche il cuore ne ha una.   Nessuno ha un setto perfettamente piatto o diritto.

 

Tutti i setti, per definizione, presentano leggere irregolarità o curvature. Uno dei motivi principali per cui un setto storto, all’insaputa di molte persone, anche di altri medici, è che la tua mascella non si è mai sviluppata completamente. La maggior parte delle persone affette da apnea del sonno hanno mascelle superiori strette, che spingono il tetto della bocca nella cavità nasale, il che fa sì che il setto si pieghi.

 

Se le opzioni mediche non vi aiutano a respirare meglio attraverso il naso, allora potreste essere candidati per una settoplastica.

 

Problema n. 2. Narici fragili

 

In alcune persone, lo spazio tra il setto nasale e la parte morbida di entrambe le narici è troppo stretto per cominciare, oppure crollano parzialmente o completamente durante l’inspirazione. In molti casi, questo può essere visto anni dopo la rinoplastica di riduzione, dove il naso è stato reso più piccolo o ristretto per motivi estetici. Occasionalmente, le persone possono avere narici naturalmente sottili e flosce.

 

Un’altra ragione comune per le narici fragili è dovuta a una mascella superiore stretta. La larghezza del naso segue la larghezza della mascella. Se l’angolo tra il setto mediano e la parete laterale della narice è più stretto del normale, allora è più probabile che collassi con un qualsiasi grado di congestione nasale interna. Non sorprende che le persone con disturbi del sonno abbiano tipicamente mascelle più strette, e quindi più suscettibili al collasso delle narici. Alcune etnie sono anche più soggette a questo fenomeno rispetto ad altre.

 

Un modo che si può facilmente capire se si ha questo problema è quello di eseguire la manovra di Cottle: Mettere entrambi gli indici sul viso accanto alle narici. Mentre premete con forza contro il viso e contemporaneamente tirate la pelle accanto alla narice verso gli angoli esterni degli occhi, inspirate velocemente. Poi lasciate andare e inspirate di nuovo. Se c’è un notevole miglioramento della qualità della respirazione durante l’esecuzione di questa manovra, allora si ha quello che viene chiamato collasso della valvola nasale.

 

Il modo più semplice per correggere il collasso della valvola nasale è l’uso di strisce dilatatrici nasali, o strisce Breathe-Rite®. Se fate la manovra di Cottle e non c’è una differenza significativa nella respirazione, non sprecate soldi comprando queste strisce. Se si percepisce un miglioramento della respirazione, è possibile continuare a usare le strisce di notte mentre si dorme. Per alcune persone, queste “strisce” non sono abbastanza forti da sostenere le narici o possono causare irritazioni alla pelle.

 

Per scoprire se il collasso della valvola nasale è dovuto a cartilagini deboli o fragili o se è aggravato da una congestione nasale interna, potete spruzzare della soluzione salina nasale (che è un blando decongestionante) nel vostro naso. Se le vostre narici non collassano così tanto, allora dovete prima affrontare la vostra congestione nasale interna. Un farmaco da banco più forte che potete usare è l’ossitamtazolina, che è un decongestionante spray topico. Ci sono molte marche e versioni generiche che vengono vendute che contengono questo ingrediente. È molto importante che non usiate questo farmaco per più di due o tre giorni, altrimenti potreste diventarne dipendenti.

 

Problema n. 3: Ali nel naso

 

Un’altra fonte comune di congestione nasale è il gonfiore dei turbinati nasali, che sono le strutture a forma di ala sulle pareti laterali della cavità nasale di fronte al setto. I turbinati sono costituiti dall’osso all’interno e dalla mucosa sul lato esterno. L’areaappena sotto la mucosa è piena di vasi sanguigni che possono gonfiarsi in modo significativo. Quando i turbinati si gonfiano a causa di allergie, raffreddori o cambiamenti climatici, i passaggi d’aria si restringono ulteriormente, soprattutto se si ha un setto nasale leggermente deviato, e soprattutto se si ha un collasso della valvola nasale.

 

Uno dei malintesi più comuni che vedo sia da parte dei medici che dei pazienti è che pensano che i turbinati gonfi siano polipi. I turbinati nasali possono gonfiarsi così

By admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *